Medicina Estetica- Brevi Cenni Storici

In varie culture antiche, dall’Egitto nel 1.600 a.C. all’India, dall’antica Grecia alla Cina, vengono descritte numerose procedure, tutte mirate al miglioramento dell’aspetto fisico della persona.

Al giorno d’oggi la Medicina Estetica si prefigge di aiutare l’individuo a preservare e migliorare il proprio aspetto, promuovendo una migliore igiene di vita quale elemento fondamentale nella prevenzione di alcune patologie cutanee e dell’invecchiamento precoce e offrendo, nel contempo, alcuni validi ausili per aiutare sia nel rallentamento di tale processo sia nella correzione di piccoli difetti che possano avere un impatto psico-sociale più o meno importante sul soggetto.

Trattamenti di Medicina Estetica

Carbossiterapia
La carbossiterapia consiste nella somministrazione per via sottocutanea di anidride carbonica medicale, iniettata nel derma mediante un sottilissimo ago. Il trattamento è molto ben tollerato, non provoca dolore ed è privo di effetti collaterali.
Anti-age sul viso. Aiuta ad attenuare borse, zampe di gallina e rughe del viso. Ridisegna l’ovale, restituendo giovinezza e turgore a collo e décolleté.
Cellulite e cuscinetti. La carbossiterapia agisce da vasodilatatore, facendo scorrere il sangue nei capillari e, contemporaneamente, aumenta il drenaggio linfatico favorendo la rottura delle cellule adipose. Già dopo il primo ciclo di trattamento è visibile la riduzione delle masse adipose.
Smagliature. Le smagliature sono come strappi, lacerazioni del derma, causati della rottura di fibre di collagene e di elastina. Il potente effetto vasodilatatore dell’anidride carbonica ripristina il corretto flusso sanguigno nelle aree trattate, migliorando l’elasticità cutanea.
Di norma, per ottenere buoni risultati è consigliata una seduta a settimana per dieci settimane, ma il numero di applicazioni varia in base all’entità del problema e al tipo di risposta della pelle.

Epilazione Laser definitiva
La depilazione laser rappresenta una delle tecniche più efficaci per una depilazione definitiva in grado di rimuovere il pelo in modo permanente, attraverso la distruzione del follicolo.
Per un risultato apprezzabile occorrono più sedute (da 4 a 10), da concordare con il medico estetico, in base alle caratteristiche della pelle.

Filler – Botox (iniezioni rivitalizzanti)
Filler (iniezioni di acido ialuronico) e botox (iniezioni di botulino) svolgono un’azione correttiva sulle rughe attraverso due azioni diverse: uno interviene sui tessuti riempiendo le rughe, l’altro le distende, agendo sui muscoli. La scelta del trattamento adatto viene concordata col medico estetico.

Mesoterapia
Si tratta di un metodo di somministrazione di vari farmaci, allopatici o omeopatici che siano, che vengono infusi tramite aghi corti e sottili nel sottocute, creando un piccolo serbatoio a rilascio lento della sostanza con attività limitata alla zona trattata. In tal modo si riduce al minimo la quantità di sostanza somministrata e la sua attività a livello sistemico. Questa metodica è stata applicata in vari tipi di trattamenti, dalla lipolisi alla terapia del dolore.

Peeling
Anche detto chemoesfoliazione, i cui principi erano già noti nell’antichità che vedeva l’utilizzo di varie sostanze, dal latte acido usato dagli egizi e lo zolfo con mostarde utilizzati dalle culture nomadi fino ad arrivare al fenolo impiegato dopo la 1. guerra mondiale per il trattamento delle ustioni da esplosivi. Il peeling moderno si avvale di numerosi composti in varie concentrazioni che ci permettono di proporre trattamenti individualizzati a seconda del tipo di pelle, dell’entità dei danni cutanei che si vogliono trattare e delle richieste della persona. La chemoesfolazione trova indicazione particolarmente nel trattamento del fotoinvecchiamento cutaneo, nella riduzione della porosità cutanea, nello schiarimento di piccole lesioni pigmentate e delle lentigo senili, nelle discheratosi e cheratosi seborroiche, nei casi di acne e dei suoi esiti cicatriziali. Non eseguiamo il peeling al fenolo o qualunque altro tipo di peeling profondo perché riteniamo tale trattamento eccessivamente invasivo e poco tollerabile dal paziente.

Radiofrequenza
La radiofrequenza in medicina estetica è un trattamento non invasivo e ben tollerato che sfrutta l’azione di onde elettromagnetiche per contrastare diversi tipi di inestetismi. È una tecnica molto apprezzata, perché consente di ottenere buoni risultati senza i rischi connessi a interventi di chirurgia estetica.
AREE DI INTERVENTO: cicatrici dell’acne, esiti cicatriziali, rilassamento cutaneo, rughe superficiali.
Il trattamento si svolge in ambulatorio e ha una durata di circa 20-40 minuti. Solitamente, il paziente percepisce solo una sensazione di calore in corrispondenza delle aree trattate.
Per ottenere risultati apprezzabili occorre effettuare un ciclo completo che varia dalle 4 alle 10 sedute, da valutare a seconda del tipo di inestetismo che si vuole combattere.